Chiavazza, il cantiere delle polemiche

Chiavazza, il cantiere delle polemiche
27 Luglio 2017 ore 12:53

BIELLA – I cantieri stradali per le riasfaltature e le lunghe code che si sono formate, soprattutto per i lavori al ponte di Chiavazza, hanno generato non poche polemiche e una interrogazione del capogruppo di Forza Italia Massimiliano Gaggino sul tema. Ma la protesta più forte è arrivata da Giacomo Moscarola, di Lega Nord, che ha denunciato la sospensione dei lavori per tutta la giornata di martedì e i disagi-beffa degli automobilisti. La replica è arrivata direttamente dal Comune di Biella, che ha spiegato: «Secondo giorno di lavori e di chiusura alle auto per il ponte di Chiavazza e la rotonda tra via Milano e via Corradino Sella: in mattinata è finito il lavoro delle scarificatrici. Nel pomeriggio arriveranno le macchine per la posa dello strato di asfalto, lavoro che dovrà comunque attendere che asciughi il cemento usato per saldare i tombini. Prima sarà necessario posare una rete che limiterà crepe sul bitume nel punto in cui le due parti del ponte si uniscono. Ricordiamo i percorsi alternativi: il ponte della Maddalena da e verso la valle Cervo, il ponte della tangenziale per chi è in uscita da Chiavazza o deve raggiungerla». In realtà le macchine asfaltatrici sono giunte nella giornata di ieri quando il cantiere è ripartito. La riapertura, salvo accelerazioni, è prevista nella giornata di lunedì prossimo. 
Enzo Panelli

Leggi di più sull’Eco di Biella di giovedì 27 luglio 2017

BIELLA – I cantieri stradali per le riasfaltature e le lunghe code che si sono formate, soprattutto per i lavori al ponte di Chiavazza, hanno generato non poche polemiche e una interrogazione del capogruppo di Forza Italia Massimiliano Gaggino sul tema. Ma la protesta più forte è arrivata da Giacomo Moscarola, di Lega Nord, che ha denunciato la sospensione dei lavori per tutta la giornata di martedì e i disagi-beffa degli automobilisti. La replica è arrivata direttamente dal Comune di Biella, che ha spiegato: «Secondo giorno di lavori e di chiusura alle auto per il ponte di Chiavazza e la rotonda tra via Milano e via Corradino Sella: in mattinata è finito il lavoro delle scarificatrici. Nel pomeriggio arriveranno le macchine per la posa dello strato di asfalto, lavoro che dovrà comunque attendere che asciughi il cemento usato per saldare i tombini. Prima sarà necessario posare una rete che limiterà crepe sul bitume nel punto in cui le due parti del ponte si uniscono. Ricordiamo i percorsi alternativi: il ponte della Maddalena da e verso la valle Cervo, il ponte della tangenziale per chi è in uscita da Chiavazza o deve raggiungerla». In realtà le macchine asfaltatrici sono giunte nella giornata di ieri quando il cantiere è ripartito. La riapertura, salvo accelerazioni, è prevista nella giornata di lunedì prossimo. 
Enzo Panelli

Leggi di più sull’Eco di Biella di giovedì 27 luglio 2017

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità