Cercasi gestore per l’alimentari del Comune di Cerrione

Cercasi gestore per l’alimentari del Comune di Cerrione
Altro 02 Novembre 2016 ore 11:01

CERRIONE - Per lungo tempo è stato un borgo spento. Vuoto. Privo di movimento. Ancora oggi, in fondo, è così. Ma presto le cose cambieranno: con la rinascita del complesso che in passato ospitava il palazzo comunale, la zona di piazza Chiarletti si prepara a una seconda vita. Merito degli sforzi dell’amministrazione comunale, che grazie a un corposo intervento di restauro dell’immobile, ha scelto di puntare le sue forze su una zona del paese che necessitava di nuova linfa.

A portare presto energie giovani all’area sarà il vincitore del bando che il Comune ha aperto in questi giorni: una gara finalizzata ad individuare il gestore del negozio di alimentari e bar che il Comune vuole venga aperto al piano terra dell’edificio rimesso a nuovo. «A disposizione ci sono due locali e un magazzino - spiega il sindaco Anna Maria Zerbola -: quanto basta per ridare vita a questo angolo di paese, considerato che lo storico negozio di alimentari e rivendita giornali che ha sede lì accanto, gestito da Fabrizia Circolare, a fine novembre chiuderà i battenti cedendo la licenza». Il nuovo arrivato potrà quindi accaparrarsi la possibilità di allestire un vero e proprio negozio di vicinato, mantenendo in vita i servizi finora gestiti dal negozio esistente. «Si tratta di arredare i locali ed entrare», puntualizza il primo cittadino. Sottolineando che gli spazi saranno affidati in concessione, dietro pagamento di un canone di affitto mensile che verrà stabilito sulla base dell’asta pubblica: secondo il bando, infatti, i candidati dovranno proporre un’offerta (in aumento, con rilancio minimo di 50 euro) sul canone annuo a base d’asta fissato in 5.520 euro.

Ma la nuova vita dell’ex palazzo comunale del capoluogo non si esaurirà qui. Al piano superiore, sempre nell’ambito dei lavori realizzati tramite i fondi del bando regionale “Diecimila alloggi per anziani”, il Comune ha infatti sistemato anche sei alloggi: «Si tratta di appartamenti Atc - chiarisce Anna Maria Zerbola - che sono già stati tutti assegnati. Per tutti i nuclei famigliari beneficiari, la consegna ufficiale delle chiavi è in programma per giovedì». E ancora, non è tutto. Perché  i nuovi locali di piazza Chiarletti ospiteranno presto anche servizi pubblici: «Sono stati sistemati un ambulatorio e una palestrina - conclude il sindaco -. In questo periodo si stanno concludendo i lavori di ristrutturazione, sui quali abbiamo voluto porre un accento particolare in termini di risparmio energetico». Alla fine del tutto, quel che nascerà sarà un’iniezione di nuova energia per il capoluogo del paese. La ricompensa per uno sforzo importante e prolungato, che tuttavia - sostiene il sindaco - era impossibile non sostenere.
Veronica Balocco

CERRIONE - Per lungo tempo è stato un borgo spento. Vuoto. Privo di movimento. Ancora oggi, in fondo, è così. Ma presto le cose cambieranno: con la rinascita del complesso che in passato ospitava il palazzo comunale, la zona di piazza Chiarletti si prepara a una seconda vita. Merito degli sforzi dell’amministrazione comunale, che grazie a un corposo intervento di restauro dell’immobile, ha scelto di puntare le sue forze su una zona del paese che necessitava di nuova linfa.

A portare presto energie giovani all’area sarà il vincitore del bando che il Comune ha aperto in questi giorni: una gara finalizzata ad individuare il gestore del negozio di alimentari e bar che il Comune vuole venga aperto al piano terra dell’edificio rimesso a nuovo. «A disposizione ci sono due locali e un magazzino - spiega il sindaco Anna Maria Zerbola -: quanto basta per ridare vita a questo angolo di paese, considerato che lo storico negozio di alimentari e rivendita giornali che ha sede lì accanto, gestito da Fabrizia Circolare, a fine novembre chiuderà i battenti cedendo la licenza». Il nuovo arrivato potrà quindi accaparrarsi la possibilità di allestire un vero e proprio negozio di vicinato, mantenendo in vita i servizi finora gestiti dal negozio esistente. «Si tratta di arredare i locali ed entrare», puntualizza il primo cittadino. Sottolineando che gli spazi saranno affidati in concessione, dietro pagamento di un canone di affitto mensile che verrà stabilito sulla base dell’asta pubblica: secondo il bando, infatti, i candidati dovranno proporre un’offerta (in aumento, con rilancio minimo di 50 euro) sul canone annuo a base d’asta fissato in 5.520 euro.

Ma la nuova vita dell’ex palazzo comunale del capoluogo non si esaurirà qui. Al piano superiore, sempre nell’ambito dei lavori realizzati tramite i fondi del bando regionale “Diecimila alloggi per anziani”, il Comune ha infatti sistemato anche sei alloggi: «Si tratta di appartamenti Atc - chiarisce Anna Maria Zerbola - che sono già stati tutti assegnati. Per tutti i nuclei famigliari beneficiari, la consegna ufficiale delle chiavi è in programma per giovedì». E ancora, non è tutto. Perché  i nuovi locali di piazza Chiarletti ospiteranno presto anche servizi pubblici: «Sono stati sistemati un ambulatorio e una palestrina - conclude il sindaco -. In questo periodo si stanno concludendo i lavori di ristrutturazione, sui quali abbiamo voluto porre un accento particolare in termini di risparmio energetico». Alla fine del tutto, quel che nascerà sarà un’iniezione di nuova energia per il capoluogo del paese. La ricompensa per uno sforzo importante e prolungato, che tuttavia - sostiene il sindaco - era impossibile non sostenere.
Veronica Balocco