Centrale da 13 milioni di euro

Altro 15 Dicembre 2011 ore 19:27

(15 dic) Sabato (inizio alle 9,30) in via Spolina 83 ci sarà la cerimonia della inaugurazione dell’impianto di cogenerazione da 2,8MW elettrici, alimentato a cippato di legno non trattato, realizzato dalla ditta Pellerei-Ago Energia, meglio noto come centrale della Spolina.

Programma. Dopo il benvenuto a tutti i presenti di Marco Pellerei, prenderà la parola Andrea Ceccarelli, per l’introduzione, cui faranno seguito gli interventi di Raffaele Spinelli (Cnr-Ivalsa) sul tema della produzione e dell’approvvigionamento della biomassa, di Roberto Sacco (presidente di Ago Energia) sull’impianto e produzione di energia, di Walter Klotz (presidente Bicotec) sulla interazione tra agricoltura, energia ed ambiente. Infine, il sindaco Claudio Corradino ed il presidente della Provincia Roberto Simonetti avranno il compito di concludere gli interventi. Seguiranno una dimostrazione di taglio e di cippatura in campo, l’inaugurazione dell’impianto, un rinfresco a buffet e la visita dello stesso. Sabato (inizio alle 9,30) in via Spolina 83 ci sarà la cerimonia della inaugurazione dell’impianto di cogenerazione da 2,8MW elettrici, alimentato a cippato di legno non trattato, realizzato dalla ditta Pellerei-Ago Energia, meglio noto come centrale della Spolina.

Programma. Dopo il benvenuto a tutti i presenti di Marco Pellerei, prenderà la parola Andrea Ceccarelli, per l’introduzione, cui faranno seguito gli interventi di Raffaele Spinelli (Cnr-Ivalsa) sul tema della produzione e dell’approvvigionamento della biomassa, di Roberto Sacco (presidente di Ago Energia) sull’impianto e produzione di energia, di Walter Klotz (presidente Bicotec) sulla interazione tra agricoltura, energia ed ambiente. Infine, il sindaco Claudio Corradino ed il presidente della Provincia Roberto Simonetti avranno il compito di concludere gli interventi. Seguiranno una dimostrazione di taglio e di cippatura in campo, l’inaugurazione dell’impianto, un rinfresco a buffet e la visita dello stesso.

Funzionamento. «Il progetto realizzato, unico in Italia, si basa sulla creazione di un processo di filiera ecologica completo che, partendo dalla piantumazione di stoni di pioppo, passando attraverso la coltivazione degli stessi, al successivo taglio dei fusti adulti fino alla loro lavorazione (cippatura), - spiega Marco Pellerei - fornisce la materia prima utile ad alimentare il nostro impianto di cogenerazione di 2,8 MW elettrici, predisposto anche per un possibile utilizzo termico».

Impresa. La società Ago Energia di Torino gestisce l’impianto tramite la società, appositamente costituita, la ” “Pellerei-Ago Energia”. L’azienda agricola dei fratelli Pellerei si occuperà di approvvigionare per l’impianto circa 35 mila tonnellate annue di cippato, di cui oltre la metà da pioppeti coltivati dalla società in “short rotation forestry’’ e la rimanente parte, proveniente dalla pulizia programmata dei boschi.

Costi. L’opera che è costata oltre 13 milioni di euro, la superficie che ospita la struttura è di 1.350 metri quadrati e la sua altezza massima è di 25 metri.

15 dicembre 2011