Candelo nel mirino dei ladri

Candelo nel mirino dei ladri
31 Marzo 2015 ore 05:39

Ladri ancora in azione in mezzo Biellese con un occhio di riguardo, nell’occasione, per la zona di Candelo. I furti e i tentativi di furto sono stati numerosi. Per riuscire a catturare i ladri, le segnalazioni sono indispensabili: «Se vedete auto o persone sospette aggirarsi vicino alle abitazioni, non abbiate timore a comporre il 112», ribadiscono ancora una volta dai comandi delle forze dell’ordine.

I fatti. Il primo intervento dei carabinieri, l’altro giorno, è stato effettuato a Cossato dove un uomo di 40 anni ha trovato la porta di casa aperta e la camera da letto a soqquadro. Ma da un primo sopralluogo, non mancherebbe nulla. Tentativo di furto con la stessa dinamica anche in via Sandigliano a Candelo tra le 15 e 30 e le 17 dell’altro giorno, nell’abitazione di un uomo di 44 anni. Anche stavolta sono state messe in disordine le camere. I ladri, evidentemente, cercavano soldi e oro, ma non è stato rubato nulla. Sempre a Candelo, in via Orso, i ladri sono entrati in un appartamento al primo piano dove abita una donna di 36 anni e hanno rubato parecchi oggetti in oro per un valore non ancora quantificato. Sempre a Candelo, è stata forzata la porta di casa di un uomo di 57 anni. Stavolta i ladri sono riusciti a rubare una ventina di euro, poi, disturbati, si sono allontanati prima dell’arrivo dei carabinieri. Nello stesso arco temporale, gli stessi ladri sono entrati anche nell’abitazione accanto, di una signora di 41 anni, dopo aver forzato la finestra del soggiorno. In questo caso il bottino è stato pieno. Sono infatti spariti numerosi oggetti in oro, denaro per circa 400 euro più parecchi vestiti.

Automezzo sospetto. Su segnalazione di un cittadino, i carabinieri hanno controllato anche un furgone sospetto in sosta nel parcheggio del Gigante di Gaglianico alle 4 di notte. Era in effetti di un uomo di 60 anni che risiede a Torino con precedenti per droga, ma i militari hanno ritenuto che non stesse facendo nulla di male.

V.Ca.

Ladri ancora in azione in mezzo Biellese con un occhio di riguardo, nell’occasione, per la zona di Candelo. I furti e i tentativi di furto sono stati numerosi. Per riuscire a catturare i ladri, le segnalazioni sono indispensabili: «Se vedete auto o persone sospette aggirarsi vicino alle abitazioni, non abbiate timore a comporre il 112», ribadiscono ancora una volta dai comandi delle forze dell’ordine.

I fatti. Il primo intervento dei carabinieri, l’altro giorno, è stato effettuato a Cossato dove un uomo di 40 anni ha trovato la porta di casa aperta e la camera da letto a soqquadro. Ma da un primo sopralluogo, non mancherebbe nulla. Tentativo di furto con la stessa dinamica anche in via Sandigliano a Candelo tra le 15 e 30 e le 17 dell’altro giorno, nell’abitazione di un uomo di 44 anni. Anche stavolta sono state messe in disordine le camere. I ladri, evidentemente, cercavano soldi e oro, ma non è stato rubato nulla. Sempre a Candelo, in via Orso, i ladri sono entrati in un appartamento al primo piano dove abita una donna di 36 anni e hanno rubato parecchi oggetti in oro per un valore non ancora quantificato. Sempre a Candelo, è stata forzata la porta di casa di un uomo di 57 anni. Stavolta i ladri sono riusciti a rubare una ventina di euro, poi, disturbati, si sono allontanati prima dell’arrivo dei carabinieri. Nello stesso arco temporale, gli stessi ladri sono entrati anche nell’abitazione accanto, di una signora di 41 anni, dopo aver forzato la finestra del soggiorno. In questo caso il bottino è stato pieno. Sono infatti spariti numerosi oggetti in oro, denaro per circa 400 euro più parecchi vestiti.

Automezzo sospetto. Su segnalazione di un cittadino, i carabinieri hanno controllato anche un furgone sospetto in sosta nel parcheggio del Gigante di Gaglianico alle 4 di notte. Era in effetti di un uomo di 60 anni che risiede a Torino con precedenti per droga, ma i militari hanno ritenuto che non stesse facendo nulla di male.

V.Ca.

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità