Bollette dell’acqua giù del 4 per cento

Bollette dell’acqua giù del 4 per cento
Altro 30 Giugno 2016 ore 13:47

BIELLA - La conferma è arrivata martedì pomeriggio a Palazzo Oropa durante l’audizione del presidente di Cordar, Alberto Petti. Nel 2016 le tariffe dell’acqua scenderanno del quattro per cento grazie alle politiche della partecipata che si occupa della gestione della rete idrica nella maggior parte dei comuni del Biellese e alla fusione tra la stessa Cordar e Cordar Imm, l’altra società partecipata che era proprietaria delle reti stesse. L’audizione, richiesta dai consiglieri di maggioranza, ha messo in luce anche un altro aspetto importante, ossia il piano triennale degli investimenti.

«Che ammontano - spiega lo stesso presidente Petti - a 13,5 milioni di euro, di cui 1,2 milioni saranno a favore della città di Biella. Una cifra che potrebbe essere giudicata bassa ma che è figlia degli investimenti passati sul depuratore cittadino e che tiene conto anche dei costi delle manutenzioni ordinarie, molto più elevate in città rispetto al resto del territorio».
Enzo Panelli

Leggi di più sull'Eco di Biella di giovedì 30 giugno 2016

BIELLA - La conferma è arrivata martedì pomeriggio a Palazzo Oropa durante l’audizione del presidente di Cordar, Alberto Petti. Nel 2016 le tariffe dell’acqua scenderanno del quattro per cento grazie alle politiche della partecipata che si occupa della gestione della rete idrica nella maggior parte dei comuni del Biellese e alla fusione tra la stessa Cordar e Cordar Imm, l’altra società partecipata che era proprietaria delle reti stesse. L’audizione, richiesta dai consiglieri di maggioranza, ha messo in luce anche un altro aspetto importante, ossia il piano triennale degli investimenti.

«Che ammontano - spiega lo stesso presidente Petti - a 13,5 milioni di euro, di cui 1,2 milioni saranno a favore della città di Biella. Una cifra che potrebbe essere giudicata bassa ma che è figlia degli investimenti passati sul depuratore cittadino e che tiene conto anche dei costi delle manutenzioni ordinarie, molto più elevate in città rispetto al resto del territorio».
Enzo Panelli

Leggi di più sull'Eco di Biella di giovedì 30 giugno 2016