Andorno recluta chi è in mobilità

Andorno recluta chi è in mobilità
02 Maggio 2015 ore 13:15

ANDORNO MICCA – La richiesta è partita ufficialmente. Anche il Comune di Andorno Micca è intenzionato ad attingere dall’elenco delle persone in cassintegrazione o in mobilità per far fronte alla carenza di organico dovuta ai sempre maggiori tagli del Governo centrale e a un patto di stabilità che non consente di assumere. Così, sulla scorta di quanto gi successo a Cossato, anche l’amministrazione guidata dal sindaco Davide Crovella, procede in questa direzione. “Abbiamo espletato tutte le pratiche con il Centro per l’Impiego – sottolinea il primo cittadino -. Abbiamo richiesto la presenza in Comune di sette persone, poco meno della metà delle 16 che attualmente si trovano in mobilità o cassa integrazione e che abitano ad Andorno. L’impegno che verrà richiesto a chi sarà arruolato dal Comune è di venti ore settimanali per sei mesi. Tre saranno utilizzati per compiti amministrativi – aggiunge il sindaco – mentre quattro affiancheranno i cantonieri nelle opere di pulizia del paese. L’iter è  stato facilitato dalla presenza ad Andorno dello stesso segretario comunale di Cossato, Comune che ha di fatto aperto la fila e a cui Andorno si  ispirato per questa iniziativa”. Le persone che verranno assegnate al Comune potranno prestare servizio anche per più di venti ore settimanali, ma, in questo caso, la differenza dovrà essere pagata dal Comune di Andorno. 
Enzo Panelli

ANDORNO MICCA – La richiesta è partita ufficialmente. Anche il Comune di Andorno Micca è intenzionato ad attingere dall’elenco delle persone in cassintegrazione o in mobilità per far fronte alla carenza di organico dovuta ai sempre maggiori tagli del Governo centrale e a un patto di stabilità che non consente di assumere. Così, sulla scorta di quanto gi successo a Cossato, anche l’amministrazione guidata dal sindaco Davide Crovella, procede in questa direzione. “Abbiamo espletato tutte le pratiche con il Centro per l’Impiego – sottolinea il primo cittadino -. Abbiamo richiesto la presenza in Comune di sette persone, poco meno della metà delle 16 che attualmente si trovano in mobilità o cassa integrazione e che abitano ad Andorno. L’impegno che verrà richiesto a chi sarà arruolato dal Comune è di venti ore settimanali per sei mesi. Tre saranno utilizzati per compiti amministrativi – aggiunge il sindaco – mentre quattro affiancheranno i cantonieri nelle opere di pulizia del paese. L’iter è  stato facilitato dalla presenza ad Andorno dello stesso segretario comunale di Cossato, Comune che ha di fatto aperto la fila e a cui Andorno si  ispirato per questa iniziativa”. Le persone che verranno assegnate al Comune potranno prestare servizio anche per più di venti ore settimanali, ma, in questo caso, la differenza dovrà essere pagata dal Comune di Andorno. 
Enzo Panelli

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità