Alluvione, otto milioni di danni

Alluvione, otto milioni di danni
Altro 11 Dicembre 2016 ore 10:53

BIELLA - E’ stato inviato al dipartimento della Protezione civile il rapporto dell’evento relativo all’alluvione che ha colpito il Piemonte nei giorni 23, 24 e 25 novembre. Ingenti sono stati i danni soprattutto alle infrastrutture che i tecnici della Regione hanno formalmente quantificato in 317 milioni di euro per gli interventi di somma urgenza e di urgenza, considerando quelli censiti dai Comuni, dalle Province da Aipo e dalle Ato e di 496.855.000 quelli necessari per il ripristino delle infrastrutture pubbliche danneggiate. Nel computo sono esclusi i danni ai privati e quelli all’agricoltura la cui quantificazione richiederà ancora del tempo.

Il consigliere regionale del Pd Vittorio Barazzotto spiega: «I danni per il Biellese, nel dettaglio, sono quantificati in 390.000 euro di euro per gli interventi di somma urgenza a cui si aggiungono 5.060.000 euro per interventi di riduzione del rischio residuo strettamente connesso all’evento e infine 3.400.000 euro per il ripristino delle strutture e delle infrastrutture pubbliche danneggiate». Il Biellese è la Provincia che, fortunatamente, ha fatto registrare il minor numero di criticità, anche perchè la recente perturbazione ha dato maggiore tregua rispetto ad altri territori. «In ogni caso -conclude Barazzotto - gli interventi realizzati a metà anni Novanta e poi ancora più recentemente hanno evitato danni maggiori. Un segnale che dà un senso importante alle opere di prevenzione, una strada sulla quale è necessario proseguire ed insistere anche in futuro».

BIELLA - E’ stato inviato al dipartimento della Protezione civile il rapporto dell’evento relativo all’alluvione che ha colpito il Piemonte nei giorni 23, 24 e 25 novembre. Ingenti sono stati i danni soprattutto alle infrastrutture che i tecnici della Regione hanno formalmente quantificato in 317 milioni di euro per gli interventi di somma urgenza e di urgenza, considerando quelli censiti dai Comuni, dalle Province da Aipo e dalle Ato e di 496.855.000 quelli necessari per il ripristino delle infrastrutture pubbliche danneggiate. Nel computo sono esclusi i danni ai privati e quelli all’agricoltura la cui quantificazione richiederà ancora del tempo.

Il consigliere regionale del Pd Vittorio Barazzotto spiega: «I danni per il Biellese, nel dettaglio, sono quantificati in 390.000 euro di euro per gli interventi di somma urgenza a cui si aggiungono 5.060.000 euro per interventi di riduzione del rischio residuo strettamente connesso all’evento e infine 3.400.000 euro per il ripristino delle strutture e delle infrastrutture pubbliche danneggiate». Il Biellese è la Provincia che, fortunatamente, ha fatto registrare il minor numero di criticità, anche perchè la recente perturbazione ha dato maggiore tregua rispetto ad altri territori. «In ogni caso -conclude Barazzotto - gli interventi realizzati a metà anni Novanta e poi ancora più recentemente hanno evitato danni maggiori. Un segnale che dà un senso importante alle opere di prevenzione, una strada sulla quale è necessario proseguire ed insistere anche in futuro».