Menu
Cerca

Al via “un milione” di lavori pubblici

Al via “un milione” di lavori pubblici
Altro 24 Novembre 2015 ore 15:37

OCCHIEPPO SUPERIORE - Di primo acchito potrebbe sembrare una scommessa, forse quasi un azzardo. Invece, la scelta del Comune di Occhieppo Superiore di utilizzare qualcosa come un milione di euro (circa) entro la fine dell’anno per far partire lavori da troppo tempo bloccati dal Patto di stabilità è ben studiata e ponderata. Ma la corsa contro il tempo, quella, rimane.

«Vorremmo cercare di impiegare parte dell’avanzo di bilancio accumulato negli ultimi quattro anni (circa un milione e trecentomila euro) approfittando di una “finestra” apertasi nelle rigide maglie del Patto di stabilità. In questo modo - spiega il vicesindaco di Occhieppo Superiore, Pier Giuseppe Bicego - potremmo finalmente realizzare progetti approvati da anni e che da anni sono fermi sulla carta. Speriamo di farcela, perché il tempo a nostra disposizione è davvero minimo: se entro il 31 dicembre non saremo riusciti a bandire la gara per i lavori, non se ne potrà fare nulla». «Io e la mia giunta - è il commento del sindaco, Emanuele Ramella Pralungo - ce la stiamo mettendo tutta anche perché si tratta di progetti che facevano parte della nostra campagna elettorale, e intendiamo mantenere le promesse fatte ai nostri elettori. In più, per quanto mi riguarda, desidero dimostrare, a tutti coloro che sostengono il contrario, che il sottoscritto, pur essendo presidente della Provincia di Biella, non si dimentica del suo Comune, tutt’altro».

Tra i lavori ai quali l’amministrazione comunale vorrebbe poter dare corso c’è la sistemazione dell’area all’ingresso del paese, nei pressi della rotatoria, il cui progetto (costo iniziale 370mila euro, ora sceso a 230mila) è il risultato di un concorso di idee di qualche anno fa.

Ci sarebbe, poi, la realizzazione di una rotonda all’uscita del paese, nei pressi della ditta Vittor Tua Ski: l’intervento, che verrebbe a costare circa 130mila euro, avrebbe l’obiettivo, da un lato, di rallentare la velocità delle auto in entrata a Occhieppo Superiore e, dall’altro, di valorizzare la chiesa di San Rocco e la zona circostante.

E ancora, un progetto riguarderebbe la ristrutturazione di una parte di Villa Mossa, e un altro la realizzazione di un campetto coperto (per calcetto, pallavolo, ecc.) vicino a quello già esistente, in regione Bonavalle, per una spesa totale di 370mila euro, di cui 150mila finanziati con un mutuo a tasso zero concesso dal Credito sportivo nazionale e la restante parte con un mutuo a tasso agevolato (l’1,2% fisso per vent’anni) concesso sempre dal Csn. Mentre altri 100mila euro potrebbero essere utilizzati per riasfaltare le strade del paese.

Di tutto questo - e delle variazioni al bilancio che ne conseguono - si discuterà nel corso del consiglio comunale, convocato in sessione straordinaria per le 20 di oggi. Tra gli altri punti all’ordine del giorno, l’approvazione del regolamento delle vendite su area pubblica in occasione di eventi e manifestazioni, la sostituzione di un membro di nomina comunale nell’ambito del consiglio di amministrazione della casa di riposo Pozzo Ametis, per il quinquennio 2015/2019, e l’approvazione della bozza di convenzione tra il Comune e la casa di riposo per l’espletamento del servizio infermieristico ambulatoriale.

Lara Bertolazzi

OCCHIEPPO SUPERIORE - Di primo acchito potrebbe sembrare una scommessa, forse quasi un azzardo. Invece, la scelta del Comune di Occhieppo Superiore di utilizzare qualcosa come un milione di euro (circa) entro la fine dell’anno per far partire lavori da troppo tempo bloccati dal Patto di stabilità è ben studiata e ponderata. Ma la corsa contro il tempo, quella, rimane.

«Vorremmo cercare di impiegare parte dell’avanzo di bilancio accumulato negli ultimi quattro anni (circa un milione e trecentomila euro) approfittando di una “finestra” apertasi nelle rigide maglie del Patto di stabilità. In questo modo - spiega il vicesindaco di Occhieppo Superiore, Pier Giuseppe Bicego - potremmo finalmente realizzare progetti approvati da anni e che da anni sono fermi sulla carta. Speriamo di farcela, perché il tempo a nostra disposizione è davvero minimo: se entro il 31 dicembre non saremo riusciti a bandire la gara per i lavori, non se ne potrà fare nulla». «Io e la mia giunta - è il commento del sindaco, Emanuele Ramella Pralungo - ce la stiamo mettendo tutta anche perché si tratta di progetti che facevano parte della nostra campagna elettorale, e intendiamo mantenere le promesse fatte ai nostri elettori. In più, per quanto mi riguarda, desidero dimostrare, a tutti coloro che sostengono il contrario, che il sottoscritto, pur essendo presidente della Provincia di Biella, non si dimentica del suo Comune, tutt’altro».

Tra i lavori ai quali l’amministrazione comunale vorrebbe poter dare corso c’è la sistemazione dell’area all’ingresso del paese, nei pressi della rotatoria, il cui progetto (costo iniziale 370mila euro, ora sceso a 230mila) è il risultato di un concorso di idee di qualche anno fa.

Ci sarebbe, poi, la realizzazione di una rotonda all’uscita del paese, nei pressi della ditta Vittor Tua Ski: l’intervento, che verrebbe a costare circa 130mila euro, avrebbe l’obiettivo, da un lato, di rallentare la velocità delle auto in entrata a Occhieppo Superiore e, dall’altro, di valorizzare la chiesa di San Rocco e la zona circostante.

E ancora, un progetto riguarderebbe la ristrutturazione di una parte di Villa Mossa, e un altro la realizzazione di un campetto coperto (per calcetto, pallavolo, ecc.) vicino a quello già esistente, in regione Bonavalle, per una spesa totale di 370mila euro, di cui 150mila finanziati con un mutuo a tasso zero concesso dal Credito sportivo nazionale e la restante parte con un mutuo a tasso agevolato (l’1,2% fisso per vent’anni) concesso sempre dal Csn. Mentre altri 100mila euro potrebbero essere utilizzati per riasfaltare le strade del paese.

Di tutto questo - e delle variazioni al bilancio che ne conseguono - si discuterà nel corso del consiglio comunale, convocato in sessione straordinaria per le 20 di oggi. Tra gli altri punti all’ordine del giorno, l’approvazione del regolamento delle vendite su area pubblica in occasione di eventi e manifestazioni, la sostituzione di un membro di nomina comunale nell’ambito del consiglio di amministrazione della casa di riposo Pozzo Ametis, per il quinquennio 2015/2019, e l’approvazione della bozza di convenzione tra il Comune e la casa di riposo per l’espletamento del servizio infermieristico ambulatoriale.

Lara Bertolazzi