A Valle Mosso nasce l’albo delle associazioni

A Valle Mosso nasce l’albo delle associazioni
Altro 15 Novembre 2016 ore 13:29

VALLE MOSSO - Nel consiglio comunale tenutosi giovedì scorso, è stata approvata, all'unanimità, la delibera consiliare con cui nasce ufficialmente l'albo delle associazioni locali, con la possibilità, per le stesse, di richiedere contributi sulle attività svolte e su progetti specifici rivolti alla comunità valmossese sul territorio comunale.

«Come amministrazione - afferma il sindaco di Valle Mosso, Cristina Sasso - abbiamo voluto costituire un albo ufficiale delle associazioni per mappare gli enti effettivamente presenti nel territorio e programmare l'erogazione dei contributi sulla base delle esigenze di questi enti e delle attività e iniziative promosse a favore della nostra popolazione. Nel nostro Comune sono presenti molte associazione che, con il loro servizio costante, offrono un grande aiuto all'amministrazione e alla comunità. In questo modo, valutando alcuni documenti associativi già richiesti dalla normativa, verranno determinati i contributi da erogare, tenendo conto sempre delle disponibilità di bilancio. L'intento è di distribuire in maniera trasparente e chiara i fondi a disposizione delle associazioni e di stimolare gli enti già costituiti a proseguire le loro attività, costruendo reti di collaborazione con altri gruppi. La forza dei nostri paesi montani è proprio il volontariato e vogliamo quindi supportare quelle organizzazioni che cercano, nel loro ambito, di dare il massimo».

Ogni associazione potrà richiedere di essere inserita nell'albo in ogni momento dell'anno. Sarà sufficiente compilare alcuni moduli predisposti per rientrare tra gli enti “riconosciuti” a livello territoriale. Il meccanismo per la richiesta di contributo, invece, prevede, ogni anno, alcune scadenze fisse. Ciascuna associazione dovrà presentare la richiesta di contributo all'amministrazione comunale entro il 31 ottobre di ogni anno, consegnando, oltre alla domanda, lo statuto, l'atto costitutivo, il bilancio dell'anno precedente e un piano programmatico per le attività da svolgere e attuare nell'anno successivo. Entro il 31 marzo dell'anno successivo la giunta comunicherà i contributi approvati a supporto delle attività associative, da erogare entro il 31 dicembre.

«Ovviamente quest'anno - conclude il sindaco - la scadenza relativa alla presentazione dei documenti per la richiesta dei contributi slitterà a metà dicembre. Nei prossimi giorni convocheremo comunque tutte le associazioni presenti per spiegare questa novità e rispondere ad eventuali domande, nella speranza di poter aiutare concretamente le attività e iniziative programmate».

VALLE MOSSO - Nel consiglio comunale tenutosi giovedì scorso, è stata approvata, all'unanimità, la delibera consiliare con cui nasce ufficialmente l'albo delle associazioni locali, con la possibilità, per le stesse, di richiedere contributi sulle attività svolte e su progetti specifici rivolti alla comunità valmossese sul territorio comunale.

«Come amministrazione - afferma il sindaco di Valle Mosso, Cristina Sasso - abbiamo voluto costituire un albo ufficiale delle associazioni per mappare gli enti effettivamente presenti nel territorio e programmare l'erogazione dei contributi sulla base delle esigenze di questi enti e delle attività e iniziative promosse a favore della nostra popolazione. Nel nostro Comune sono presenti molte associazione che, con il loro servizio costante, offrono un grande aiuto all'amministrazione e alla comunità. In questo modo, valutando alcuni documenti associativi già richiesti dalla normativa, verranno determinati i contributi da erogare, tenendo conto sempre delle disponibilità di bilancio. L'intento è di distribuire in maniera trasparente e chiara i fondi a disposizione delle associazioni e di stimolare gli enti già costituiti a proseguire le loro attività, costruendo reti di collaborazione con altri gruppi. La forza dei nostri paesi montani è proprio il volontariato e vogliamo quindi supportare quelle organizzazioni che cercano, nel loro ambito, di dare il massimo».

Ogni associazione potrà richiedere di essere inserita nell'albo in ogni momento dell'anno. Sarà sufficiente compilare alcuni moduli predisposti per rientrare tra gli enti “riconosciuti” a livello territoriale. Il meccanismo per la richiesta di contributo, invece, prevede, ogni anno, alcune scadenze fisse. Ciascuna associazione dovrà presentare la richiesta di contributo all'amministrazione comunale entro il 31 ottobre di ogni anno, consegnando, oltre alla domanda, lo statuto, l'atto costitutivo, il bilancio dell'anno precedente e un piano programmatico per le attività da svolgere e attuare nell'anno successivo. Entro il 31 marzo dell'anno successivo la giunta comunicherà i contributi approvati a supporto delle attività associative, da erogare entro il 31 dicembre.

«Ovviamente quest'anno - conclude il sindaco - la scadenza relativa alla presentazione dei documenti per la richiesta dei contributi slitterà a metà dicembre. Nei prossimi giorni convocheremo comunque tutte le associazioni presenti per spiegare questa novità e rispondere ad eventuali domande, nella speranza di poter aiutare concretamente le attività e iniziative programmate».