Altro

A Occhieppo Inferiore nel weekend “Melamangio & Melabevo”

A Occhieppo Inferiore nel weekend “Melamangio & Melabevo”
Altro Grande Biella, 16 Novembre 2017 ore 10:44

OCCHIEPPO INFERIORE -  “Melamangio & Melabevo” diventa maggiorenne. L’edizione del 2017, in programma al Polivalente di Occhieppo Inferiore sabato e domenica prossimi, è il risultato di una Pro loco da poco rinnovata nel direttivo, che, attraverso il proprio operato, vuole portare una “ventata di aria nuova” in paese.

 

 «Sono parecchie le novità di quest’anno - spiega il riconfermato presidente, Pacifico Dal Molin -, a cominciare dalla Mostra pomologica, che sarà curata dagli “Amici del frutto antico” di Caluso e che comprenderà oltre cento varietà di mele.

 

«Verrà inoltre allestita la mostra fotografica dal titolo “Antiche cultuvar di melo in Piemonte”, realizzata dalla Regione, e, nell’ambito dell’inaugurazione, avrà luogo la presentazione di “Mele e derivati: un progetto della filiera per la Serra”, a cura dell’associazione Vermogno Vive. Da segnalare, poi, la presenza di un referente di Slow Food, a testimonianza dell’importanza che la mela ha per il nostro territorio».

Mela protagonista soprattutto a tavola, in occasione della cena di sabato (ore 20; prenotazioni al 338-2785153) e della colazione di domenica, a base di strudel, succo di mele e brioche farcite, ovviamente, con marmellata di mele. Previsti anche il pranzo del mezzogiorno e la classica merenda pomeridiana per i bambini.

E non potrà mancare la torchiatura a vista delle mele, il cui succo sarà messo in vendita o potrà essere degustato in loco, così come la prova pratica di potatura, in un frutteto, a San Clemente, e la mostra mercato di prodotti tipici biellesi e piemontesi, nella giornata di domenica, dove si registrano «parecchi nuovi ingressi. Quest’anno, in particolare - spiega il presidente della Pro loco di Occhieppo Inferiore -, si è puntato su una selezione molto ricercata e su un’offerta altrettanto ampia per quanto riguarda le tipologie, prestando attenzione ad associazioni non profit e di volontariato.

«Dal punto di vista organizzativo dell’intera manifestazione - conclude Pacifico Dal Molin - abbiamo cercato di coinvolgere le associazioni del territorio, occhieppesi e non solo (Vermogno Vive, gli Amici della Biblioteca, gli Amici di San Clemente, Orto Scec, ecc.), oltre alle numerose persone del paese che per questa festa si rendono sempre disponibili».

Lara Bertolazzi

OCCHIEPPO INFERIORE -  “Melamangio & Melabevo” diventa maggiorenne. L’edizione del 2017, in programma al Polivalente di Occhieppo Inferiore sabato e domenica prossimi, è il risultato di una Pro loco da poco rinnovata nel direttivo, che, attraverso il proprio operato, vuole portare una “ventata di aria nuova” in paese.

 «Sono parecchie le novità di quest’anno - spiega il riconfermato presidente, Pacifico Dal Molin -, a cominciare dalla Mostra pomologica, che sarà curata dagli “Amici del frutto antico” di Caluso e che comprenderà oltre cento varietà di mele.

«Verrà inoltre allestita la mostra fotografica dal titolo “Antiche cultuvar di melo in Piemonte”, realizzata dalla Regione, e, nell’ambito dell’inaugurazione, avrà luogo la presentazione di “Mele e derivati: un progetto della filiera per la Serra”, a cura dell’associazione Vermogno Vive. Da segnalare, poi, la presenza di un referente di Slow Food, a testimonianza dell’importanza che la mela ha per il nostro territorio».

Mela protagonista soprattutto a tavola, in occasione della cena di sabato (ore 20; prenotazioni al 338-2785153) e della colazione di domenica, a base di strudel, succo di mele e brioche farcite, ovviamente, con marmellata di mele. Previsti anche il pranzo del mezzogiorno e la classica merenda pomeridiana per i bambini.

E non potrà mancare la torchiatura a vista delle mele, il cui succo sarà messo in vendita o potrà essere degustato in loco, così come la prova pratica di potatura, in un frutteto, a San Clemente, e la mostra mercato di prodotti tipici biellesi e piemontesi, nella giornata di domenica, dove si registrano «parecchi nuovi ingressi. Quest’anno, in particolare - spiega il presidente della Pro loco di Occhieppo Inferiore -, si è puntato su una selezione molto ricercata e su un’offerta altrettanto ampia per quanto riguarda le tipologie, prestando attenzione ad associazioni non profit e di volontariato.

«Dal punto di vista organizzativo dell’intera manifestazione - conclude Pacifico Dal Molin - abbiamo cercato di coinvolgere le associazioni del territorio, occhieppesi e non solo (Vermogno Vive, gli Amici della Biblioteca, gli Amici di San Clemente, Orto Scec, ecc.), oltre alle numerose persone del paese che per questa festa si rendono sempre disponibili».

Lara Bertolazzi

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter