A Biella sei panchine rosse per dire no alla violenza sulle donne

A Biella sei panchine rosse per dire no alla violenza sulle donne
03 Ottobre 2017 ore 14:28

BIELLA – Panchine rosse per dire no alla violenza contro le donne: sono sei quelle che saranno collocate prossimamente in diversi punti della città. Panchine che vogliono ricordare le donne vittime di femminicidio, sensibilizzare i cittadini ed anche dare informazioni importanti informazioni per chi si trova in una situazione di difficoltà o di pericolo e deve chiedere aiuto attraverso una targhetta con tutti i riferimenti utili tradotti in varie lingue (ricordiamo ad esempio il numero nazionale gratuito 1522).

La prima panchina verrà inaugurata il prossimo 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, presso i Giardini Zumaglini e sarà realizzata da Gigi Piana su coinvolgimento dell’Associazione Voci di Donne. La seconda panchina verrà collocata di fronte all’ingresso della Casa Circondariale di Biella e sarà realizzata dai detenuti stessi, allievi della classe del Liceo Artistico presente all’interno dell’istituto. Le altre quattro panchine saranno realizzate, entro la primavera 2018, dagli studenti del Liceo Artistico di Biella e saranno ubicate rispettivamente presso i Giardini Arequipa, il Giardino Panoramico del Piazzo adiacente a Palazzo Ferrero, i Giardini Alpini d’Italia e Piazza Martiri della Libertà.

“Qualche mese fa – spiega l’assessore Francesca Salivotti – l’associazione Women@Work Italia ha proposto al Comune di Biella la realizzazione del progetto Panchine Rosse: Stop alla violenza, mi è parsa un’ottima proposta per contrastare un fenomeno che non tende a migliorare, ricordiamo che nei primi mesi del 2017 la media è di una vittima ogni tre giorni e negli ultimi dieci anni le donne uccise in Italia sono state 1.740, di cui 1.251 (il 71,9%) in famiglia. Fenomeno che non ha risparmiato il nostro territorio anche con un recente dramma. Ho voluto così subito coinvolgere le amiche di Voci di Donne che da sempre si occupano con grande professionalità di questi disagi e l’Istituto Liceo Artistico di Biella con il quale abbiamo già lavorato su questa tematica in passato con altre iniziative. È qui l’occasione quindi per ringraziare l’associazione Women@Work Italia e tutti partner di questa iniziativa, nell’auspicio che veramente questa iniziativa possa essere un tassello concreto per dire stop alla violenza”.

L’assessore all’arredo urbano Valeria Varnero aggiunge che “ne è nato un progetto che avrà anche il compito di abbellire la città intervenendo sull’arredo urbano già esistente, oltre che chiaramente quello primario di sensibilizzare sul tema della violenza di genere. Una sinergia fra enti pubblici, scuole e associazioni che si concretizza con l’accordo che oggi sigleremo”.

Al termine della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa è stato siglato l’accordo di collaborazione per la realizzazione del progetto, i firmatari: Comune di Biella, Associazione W@W Italia, Associazione Voci di Donne, Liceo Artistico Sella e la Casa Circondariale di Biella.

BIELLA – Panchine rosse per dire no alla violenza contro le donne: sono sei quelle che saranno collocate prossimamente in diversi punti della città. Panchine che vogliono ricordare le donne vittime di femminicidio, sensibilizzare i cittadini ed anche dare informazioni importanti informazioni per chi si trova in una situazione di difficoltà o di pericolo e deve chiedere aiuto attraverso una targhetta con tutti i riferimenti utili tradotti in varie lingue (ricordiamo ad esempio il numero nazionale gratuito 1522).

La prima panchina verrà inaugurata il prossimo 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, presso i Giardini Zumaglini e sarà realizzata da Gigi Piana su coinvolgimento dell’Associazione Voci di Donne. La seconda panchina verrà collocata di fronte all’ingresso della Casa Circondariale di Biella e sarà realizzata dai detenuti stessi, allievi della classe del Liceo Artistico presente all’interno dell’istituto. Le altre quattro panchine saranno realizzate, entro la primavera 2018, dagli studenti del Liceo Artistico di Biella e saranno ubicate rispettivamente presso i Giardini Arequipa, il Giardino Panoramico del Piazzo adiacente a Palazzo Ferrero, i Giardini Alpini d’Italia e Piazza Martiri della Libertà.

“Qualche mese fa – spiega l’assessore Francesca Salivotti – l’associazione Women@Work Italia ha proposto al Comune di Biella la realizzazione del progetto Panchine Rosse: Stop alla violenza, mi è parsa un’ottima proposta per contrastare un fenomeno che non tende a migliorare, ricordiamo che nei primi mesi del 2017 la media è di una vittima ogni tre giorni e negli ultimi dieci anni le donne uccise in Italia sono state 1.740, di cui 1.251 (il 71,9%) in famiglia. Fenomeno che non ha risparmiato il nostro territorio anche con un recente dramma. Ho voluto così subito coinvolgere le amiche di Voci di Donne che da sempre si occupano con grande professionalità di questi disagi e l’Istituto Liceo Artistico di Biella con il quale abbiamo già lavorato su questa tematica in passato con altre iniziative. È qui l’occasione quindi per ringraziare l’associazione Women@Work Italia e tutti partner di questa iniziativa, nell’auspicio che veramente questa iniziativa possa essere un tassello concreto per dire stop alla violenza”.

L’assessore all’arredo urbano Valeria Varnero aggiunge che “ne è nato un progetto che avrà anche il compito di abbellire la città intervenendo sull’arredo urbano già esistente, oltre che chiaramente quello primario di sensibilizzare sul tema della violenza di genere. Una sinergia fra enti pubblici, scuole e associazioni che si concretizza con l’accordo che oggi sigleremo”.

Al termine della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa è stato siglato l’accordo di collaborazione per la realizzazione del progetto, i firmatari: Comune di Biella, Associazione W@W Italia, Associazione Voci di Donne, Liceo Artistico Sella e la Casa Circondariale di Biella.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità