Nodo riapertura

Scuola: accordo capienza 80% sui mezzi, no mascherina in classe

Le Regioni, unite sui trasporti, sono divise sull'apertura delle scuole: si sgretola il fronte che voleva il 14 settembre come data simbolo.

01 Settembre 2020 ore 11:39

Stabilite alcune importante linee guida relative a trasporti e scuola durante la conferenza unificata tra Governo e Regioni. Resta un nodo impellente da sciogliere ovvero quello relativo all’inizio delle lezioni in presenza: si ingrossa infatti il fronte delle Regioni che non intendono allinearsi alla data fissata del 14 settembre.

ACCENDI L’AUDIO E GUARDA IL SERVIZIO:


Capienza sui mezzi pubblici: linee guida

Autobus pieni fino all’80% della loro capienza, dispenser obbligatori, strumenti di separazione fra i posti, ricambio continuo di aria, filtri di sanificazione e soprattutto smascherina obbligatoria. Oltre a 350 milioni di euro a Regioni e Comuni per compensare le perdite. E’ questo il cuore dell’accordo sancito dalla conferenza unificata tra Governo e Regioni che prevede anche alcune eccezioni importani: si potrà viaggiare a capienza massima nel caso la distanza da percorrere risulti inferiore ai 15 minuti.

Nodo riapertura scuola da sciogliere

Le Regioni, unite sui trasporti, sono però divise sulla data di apertura delle scuole. Si sgretola infatti il fronte che voleva il 14 settembre come data simbolo, uguale da Nord a Sud, per aprire le scuole di ogni ordine e grado. Dopo Puglia, Calabria, Friuli e Sardegna anche l’Abruzzo cambia: nella regione si partirà il 24 di settembre. Anche la Campania di De Luca sta pensando di rinviare tutto a dopo le elezioni.

Niente mascherina in classe

Intanto il comitato tecnico scientifico fornisce un chiarimento basilare per la ripartenza delle scuole. No alla mascherina in classe se c’è la distanza di un metro, per favorire apprendimento e relazioni. Il ministro Boccia ha sottolineato come la volontà di fare il bene dei ragazzi abbia portato al superamento di polemiche e ostacoli. Soddisfazione espressa anche dalle Regioni per le maggiori certezze date agli operatori dei settore. Il primo passo, ovvero portare i ragazzi a scuola, è stato fatto.

Il richiamo di Speranza ai ragazzi

Altri nodi dovranno essere sciolti, a partire da quello del contagio. Il ministro Speranza esprime preoccupazione perché ora il Covid circola molto fra i giovani (età media 29 anni). Ed è proprio a loro che il ministro della Sanità si rivolge, spiegando: “A voi il virus fa meno male, ma dovete difendere i vostri cari e c’è un solo modo, anzi tre: mascherine, distanziamento e igiene“.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno