video incredibile

A frotte bruciano il semaforo nonostante la telecamera (e le multe)

Impressiona la sfrontatezza con la quale alcuni automobilisti se ne fregano bellamente del semplice concetto di rosso e verde, creando situazioni davvero rischiosissime.

A frotte bruciano il semaforo nonostante la telecamera (e le multe)
Glocal news 26 Gennaio 2021 ore 15:17

Un filmato davvero da far strabuzzare gli occhi: è incredibile vedere quanti automobilisti ancora fino a poco tempo fa "bruciavano" letteralmente il semaforo, attraversando a tutta velocità l'incrocio nonostante la luce rossa. Succedeva nella Bergamasca, tanto che alla fine han dovuto installare una telecamera che naturalmente ha fatto un'ecatombe di multe: in pratica da quando il traffico pesante era stato deviato su una bananina esterna, quella strada nei campi aveva visto un crollo del traffico, tanto che chi la percorreva semplicemente se ne fregava del semaforo, potendo vedere già da molto distante che dalle due strade laterali in realtà non stava arrivando nessuno...

Il bilancio del semaforo

Da Prima Treviglio

Da quando sono state installate le telecamere le infrazioni sono calate dell’80 percento. Alla faccia, verrebbe da dire dopo aver guardato questo impressionante video che raccoglie alcune delle manovre più spericolate avvenute sotto l’occhio vigile del sistema di sorveglianza al semaforo dell’ex Soncinese, a Romano di Lombardia.

Con la fine dell’anno l’Amministrazione comunale di Romano ha reso noti i dati relativi alle sanzioni comminate dalla Polizia locale al semaforo "dalla disobbedienza". L’incrocio ha da sempre destato una grande preoccupazione in termini di sicurezza per un approccio "garibaldino" a delle regolari basilari del codice della strada e, cioè, che quando il semaforo è rosso non si passa. Motivo per cui l’Amministrazione comunale ha deciso di porre delle telecamere di sorveglianza per monitorare il flusso del traffico.

In due mesi più di mille sanzioni

Risultato? Dati da capogiro riguardo alle sanzioni comminate in due mesi: più di mille. I numeri parlano chiaro: si è passati da luglio, in cui le sanzioni sono state 559, ad agosto 481, settembre 236, ottobre 200, novembre 131 e infine dicembre in cui sono state 108.

"Facendo un’analisi dei dati relativi a quel semaforo, alla luce dei numeri possiamo affermare che nell’arco del secondo semestre 2020, la situazione è completamente cambiata in senso positivo – ha detto il sindaco Sebastian Nicoli. 

Insomma, ben venga il miglioramento, anche perché rimane un dubbio inquietante: se quello immortalato nel video racconta un comportamento "maggiormente virtuoso" degli automobilisti a fronte delle telecamere che dissuadono comportamenti incivili, che situazione c'era prima?

LEGGI ANCHE: Reintegrata l’impiegata licenziata dopo il pedinamento di investigatore privato