«Ti sono amico». E lo lascia senza soldi

«Ti sono amico». E lo lascia senza soldi
02 Dicembre 2013 ore 19:37

Era accusato di essersi approfittato di un conoscente e del suo impellente bisogno d’affetto, in realtà una patologia che gli psichiatri conoscono come “disturbo schizoaffettivo”.

Lo avrebbe in tal modo indotto a effettuare ripetuti prelievi di denaro in suo favore (per un importo totale di quasi 8.500 euro) nonché a chiudere la polizza vita, in modo da farsi trasferire la cifra accumulata di circa 4.500 euro sul suo conto. Non ancora soddisfatto, da buon nuovo “amico”, gli avrebbe smontato la porta di casa, realizzata in rovere massiccio, e si sarebbe impadronito di otto termosifoni. Non ancora del tutto soddisfatto, si sarebbe inoltre fatto acquistare due telefoni cellulari, un Samsung e un Motorola.

La condanna. Accusato di circonvenzione di persona incapace, Maurizio Calà, 40 anni, di Mosso, borgata Ceretto, è stato condannato nei giorni scorsi dal giudice, Paola Rava, a un anno e mezzo di reclusione più mille euro di multa con la condizionale.

I fatti. Era stata la stessa parte offesa, 58 anni, di Portula, in un momento di lucidità, a presentarsi dai carabinieri del comando di Coggiola per fare denuncia di smarrimento della porta di casa e degli otto termosifoni. I militari, che lo conoscevano bene e che sapevano della sua propensione a farsi convincere troppo facilmente a commettere atti dannosi a se stesso, si erano convinti a scavare più a fondo nella vicenda. Avevano così scoperto che, negli ultimi mesi, il denunciate aveva acquisito il nuovo “amico”, per conto del quale aveva effettuato vari prelievi, concedendogli inoltre l’utilizzo della carta di credito, con il risultato di provocare un salasso nel proprio conto in banca.
I militari avevano alla fine deciso di effettuare una perquisizione a casa dell’imputato. Avevano così trovato la porta (peraltro già piazzata all’ingresso principale), rintracciato i termosifoni (trasferiti nel Torinese) e recuperato i due telefoni cellulari.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità